• Piattaforma per mobili di lusso personalizzati
    Maestria danese: Erik Jørgensen Møbelfabrik

    Maestria danese: Erik Jørgensen Møbelfabrik


    Esploriamo la storia alle spalle della Erik Jørgensen Møbelfabrik, in Danimarca: presto potremo vedere questo brand dal vivo al Salone del Mobile di Milano.

    La storia della Erik Jørgensen Møbelfabrik è una storia di duro lavoro e grande maestria artigianale. Tutto ebbe inizio nel 1954, quando Erik Jørgensen, tappezziere di professione, decise di aprire il proprio laboratorio. Da quel momento la sua fama di tappezziere di talento continuò a diffondersi, a tal punto che alcuni dei designer di più grande successo iniziarono a rivolgersi proprio a lui. Uno dei suoi maggiori successi risale al 1960, quando Hans J. Wegner fece richiesta delle sue doti per rivestire una poltrona particolarmente ostica. Erik acconsentì, e fu così che nacque la Ox Chair. La Ox Chair è tutt’oggi considerata una delle creazioni-simbolo degli anni Sessanta, e difatti rimane uno dei pezzi Erik Jørgensen maggiormente venduti.

    erik-ox-eurooo

    La Ox Chair


    Simili storie caratterizzano molte delle creazioni di Erik: un designer ideava un progetto, e lui realizzava i loro sogni. Ad esempio, un’altra celebre poltrona degli anni Sessanta, è la Corona: nel 1964, a una fiera, Erik Jørgensen incontrò il suo ideatore, Poul M. Volther, e decise di iniziarne la produzione, dapprima dotandola di una struttura in legno, e in seguito di metallo.

    erik-corona-eurooo

    La celebre Corona Chair


    Dal 1998, ovvero dalla morte di Erik, sono i suoi figli a condurre la compagnia; da allora, la Erik Jørgensen Møbelfabrik è rimasta fedele ai principi del proprio fondatore: duro lavoro e alta qualità, per creare pezzi d’arredamento destinati a durare. Lo stile vagamente rétro di molte delle loro creazioni fa scaturire una sensazione di piacevole nostalgia, che non diventa mai amara: caratteristiche come i colori pastello, la morbida e ricca imbottitura, i tessuti di alta qualità e i grandi bottoni colorati contribuiscono a creare un’atmosfera di allegria e pace in ogni stanza.

    erik-sofa-eurooo

    Il divano EJ 220


    È abbastanza chiaro che i figli di Erik Jørgensen hanno tenuto e tuttora tengono alto il nome della famiglia: i loro oggetti d’arredo sono venduti in tutto il mondo, e le loro doti di qualità e durabilità sono universalmente riconosciute. Tuttavia, una ragione ancora più importante che spiega il successo ininterrotto di questa marca è la loro apertura verso le nuove idee: alla Erik Jørgensen Møbelfabrik, vengono consultati i propri designers, ma, allo stesso tempo si ricercano anche nuove idee provenienti dall’esterno. Ecco perché, ogni anno, si tengono competizioni per scoprire nuovi talenti; in cambio, questi concorsi hanno aiutato a dar forma alle carriere di molti designer oggi di successo, come Ernst e Jensen, Ditte Hammerstrøm, e molti altri.

    erik-chairs-eurooo

    L'Insula Base: un tavolo innovativo circondato da sedie colorate


    Un altro segno dell’apprezzamento che i prodotti della Erik Jørgensen Møbelfabrik ricevono costantemente, è la presenza di questo brand alla fiere internazionali più importanti. In febbraio, lo abbiamo appena visto alla Stockholm Furniture and Light Fair 2018, e presto lo ritroveremo all’edizione 2018 del Salone del Mobile di Milano. Cosa possiamo dire? Sappiamo già che Erik Jørgensen Møbelfabrik non mancherà di lasciare la propria audience internazionale a bocca aperta, grazie alla passione per il design e alla propria imbattuta maestria artigianale.

    erik-sofa-armchair-eurooo

    L'interpretazione di uno studio norvegese di un classico firmato Erik Jørgensen

    Che altro possiamo dire? Lasciamo che i design unici e senza tempo della Erik Jørgensen Møbelfabrik parlino da sé.